La tua vista è importante, prenditene cura

Salute e Benessere

Gli specialisti maculopatia Umbria o gli oculisti Perugia permettono di trattare e curare in modo efficace questa patologia degenerativa che interessa gli occhi. Occorre fermare il problema nel minor tempo possibile: nel caso in cui venga trascurata ed evolva, infatti, la malattia può rendere complicate le attività quotidiane più comuni, come scrivere e leggere, e più in generale tutte le azioni che richiedono una fine discriminazione, come per esempio inserire un filo nella cruna di un ago o riconoscere degli oggetti di piccole dimensioni. Ciò non comporta, in ogni caso, una perdita totale della vista, dal momento che il disturbo riguarda unicamente la parte della retina centrale.

Come possono spiegare con dovizia di particolari gli specialisti maculopatia Umbria, chi soffre di questo problema resta sempre in grado di mantenere un livello di visione tale da assicurargli la conservazione della propria indipendenza: il campo visivo non viene del tutto compromesso, e si può sempre continuare a sfruttare la visione laterale. In più, la riabilitazione visiva permette di usare le aree di retina in salute per ottenere un miglioramento della vista: dai video ingranditori agli occhiali prismatici per maculopatia, passando per gli occhiali per maculopatia con filtro arancione, sono numerosi gli ausili e i supporti che possono essere adoperati a questo scopo.

Per quel che riguarda le operazioni chirurgiche, è opportuno tener presente il fatto che gli interventi necessari per la cura della maculopatia sono decisamente delicati: per questo motivo viene consigliato di ricorrervi se e solo se il rapporto tra rischi e benefici pende dalla parte dei benefici. Lo stesso dicasi per gli interventi laser maculopatia. Non bisogna mai operare, invece, quando si ha a che fare con maculopatie di entità lieve: è il caso delle maculopatie secche iniziali o delle maculopatie a cellophane. In tali circostanze, è preferibile assecondare la lenta evoluzione del problema, senza intervenire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *